dismettere addolcitore

I tuoi clienti hanno deciso di gettare via il depuratore che gli hai montato tu e temi che dismettano anche te come loro idraulico di fiducia?

Leggi questo articolo perché potrebbe darti la chiave di svolta del problema.

gettare via

Per molti anni, ogni volta che un cliente chiedeva una soluzione ad un problema legato all’acqua, tu come tutti i tuoi colleghi idraulici avete dato come unica soluzione l’installazione del Depuratore.

Adesso i nodi stanno venendo al pettine perché le persone cominciano a rendersi conto che quello che gli hai installato in realtà non è un depuratore, ma nel 99,99% dei casi è un comunissimo addolcitore a sale.

Non sto dicendo che tu l’abbia fatto in mala fede, figuriamoci… era ed è tutt’oggi prassi comune installare addolcitori a destra e a manca, con la convinzione che questo possa risolvere quasi ogni problema legato all’acqua.

Questo fraintendimento nasce proprio dal chiamare questa apparecchiatura nel modo più sbagliato possibile: depuratore.

La stessa parola “depuratore”, apre nella tua mente prima… ed in quella del cliente poi, l’immagine di un qualcosa che DEPURA, quindi che elimina qualsiasi cosa non sia regolare dall’acqua e che ti rende la stessa liscia e pura come dovrebbe essere.

Però, come dicevo prima, i nodi vengono al pettine.

Specialmente dall’emissione dell’ultimo decreto che stabilisce che NESSUNA apparecchiatura può essere venduta con la dicitura Depuratore ma deve essere specificata l’azione che compie sull’acqua.

Da qui si è cominciato a vedere apparecchiature… prima chiamate “depuratori” che assumono il loro VERO nome.

  • Addolcitore a scambio ionico
  • Osmosi inversa
  • Anticalcare magnetico
  • eccetera

Le persone stanno prendendo coscienza del fatto che un addolcitore non è un depuratore, così come non lo è un anticalcare oppure un’osmosi inversa installata sotto il lavello della cucina.
Tutta La Verità Sul Calcare
Quotidianamente parlo con installatori che vengono richiamati dai loro clienti che nell’ordine:

  1. Gli chiedono delucidazioni su quello che gli hanno installato
  2. Notizie su cosa effettivamente fa quell’apparecchiatura che gli hanno installato.

… con reazioni più o meno forti e simili tra loro.

Per farla breve i clienti che hanno fatto installare un addolcitore credendo che fosse un depuratore e che adesso sanno che nel 99% dei casi la loro acqua è peggiorata, sono a dir poco incazzati!

Ma come siamo arrivati a tutto questo?

Sinceramente, come ho detto prima, non mi sento di dare la colpa a te, né tanto meno ai clienti.

La colpa di tutto questo che sta succedendo è da attribuire in primo luogo alla mistificazione fatta da chi produceva e vendeva queste apparecchiature campando sul concetto sbagliato di depuratore.

Parlando con clienti ed installatori tutti i giorni, mi ritrovo a dare informazioni che avrebbero già dovuto avere e che nessuno prima si era nemmeno minimamente preoccupato di dare.

Anche idraulici che fanno questo mestiere da anni con passione e dedizione, a volte sembra che cadano dalle nuvole.

  • Lo sapevi che il sale che deve essere caricato nel tino della salamoia va a finire nell’acqua che esce dal rubinetto?
  • Lo sapevi che se un addolcitore resta senza sale diventa un covo di batteri che poi vanno ad infettare l’acqua che esce dal rubinetto?
  • Lo sapevi che l’addolcitore deve essere tarato in modo da non sforare i 200 mg per litro di Sodio (sale)?
  • Lo sapevi che deve essere montata una valvola di non ritorno proprio per non rischiare di “infettare” l’acqua dell’acquedotto (se l’addolcitore non fosse mantenuto correttamente)?

Come vedi ci sono tante cose che non ti hanno detto, o che ti hanno detto in modo molto leggero senza preoccuparsi minimamente del fatto che tu potessi creare un danno al tuo cliente. E queste cose sono così tante che l’elenco sopra sono solo una parte.

Tutto questo nascondere le vere informazioni, tutto questo giocare sul nome “depuratore”, ha fatto in modo che questo tipo di apparecchiatura potesse prendere molto piede.

Ne sono stati venduti milioni in tutta Italia (parlando solo di casa nostra).

Chi ci ha guadagnato?

Se come me, anche tu sei appassionato delle serie televisive di Crime Story, c’è un detto comune in tutte le serie investigative: Segui i Soldi.

Qui è la stessa cosa… apri la mente e pensa… chi ha guadagnato tonnellate di soldi in tutto questo?

Bravo… proprio quelli che spacciavano (alcuni continuano ancora) la merda per cioccolata… Cioè il Depuratore per un qualcosa che invece non depura affatto.

Appurato che abbiamo un problema che sta prendendo sempre più forma, vediamo adesso come puoi correre ai ripari.

Se hai venduto ieri un addolcitore spacciandolo ancora per depuratore, amico mio… sei nei guai.

Davvero, non so come aiutarti… perché ormai le informazioni sono davvero alla portata di un click, entri su Google e trovi davvero tutto quello che ti serve, e al giorno d’oggi non puoi più permetterti il lusso di non informarti o di non aggiornarti.

Per quanto riguarda vecchie installazioni, puoi prendere il toro per le corna e proporre al tuo vecchio cliente di passare a qualcosa di più innovativo e non invasivo.

Anche qui però stai bene attento a cosa offri.

Il mondo dell’acqua, come avrai capito è un mondo in cui in molti cercano di metterci le mani, perché non a caso l’acqua è chiamato “L’oro Blu”

Informati bene, e quando vai dal tuo cliente, per prima cosa devi capire COSA vuole dal suo Depuratore… cioè devi capire cosa vuole ottenere.

Mi spiego meglio:

  • Vuole eliminare il calcare, perché è stanco di doverci combattere quotidianamente ed ha paura per il suo impianto idraulico?
  • Vuole poter bere l’acqua dal suo rubinetto perché pensa che non sia potabile per qualche motivo?
  • Vuole usare l’acqua del pozzo che ha in giardino per non pagare la bolletta e sfruttare a pieno l’occasione di rendersi indipendente dall’acquedotto?

Solo una volta che tu hai capito bene cos’è che vuole, allora potrai suggerirgli la giusta soluzione.

Come abbiamo detto prima, il depuratore non è la soluzione perché è tutto ed il contrario di tutto.

Quindi potrebbe essere il caso che può bastare l’installazione di un semplice filtro per farlo stare più tranquillo, se vuole bere l’acqua del rubinetto. In moltissimi casi non serve niente di più perché non ci sono REALI pericoli.

Poi potrebbe invece darsi che in quel comune c’è una situazione particolarmente complicata con la qualità dell’acqua da dover ricorrere ad una osmosi inversa. In quel caso devi essere in grado di offrire una soluzione che lo faccia stare davvero tranquillo proponendogli un’osmosi di buona fattura e non la classica robetta proveniente da oriente e rivenduta a dieci volte il suo valore commerciale.

Altro caso se ha l’acqua del suo pozzo e con questa vorrebbe sostituire TUTTA l’acqua che utilizza in casa sua. Certo in un caso di questo tipo dovrai prima fargli fare delle analisi e solo dopo vedere come risolvergli il problema.

Fino a ieri era semplice, gli montavi un “depuratore” e la tua coscienza era tranquilla.

Oggi non puoi più permettertelo perché ieri non sapevi, oggi saresti complice di una cosa pessima e oltre a doverti poi giustificare con i tuoi clienti sei costretto a giustificarti anche con te stesso.

Ma non finisce certamente qui. Come ho detto prima le informazioni sono a portata di click, ma come puoi accedere tu, a queste informazioni può accedere anche il tuo cliente.

Se oggi gli spacci un addolcitore a sale per depuratore e lui informandosi lo scopre… Che figura ci fai?

Cosa potrà pensare di te e della tua professionalità?

Bravo, vedo che hai capito che non è più il caso di continuare a fare lo stesso errore.

Ricorda che “La Legge non ammette ignoranza”, ma neppure in clienti ed il mercato oggi ammette l’ignoranza.

Devi informarti e formarti, solo così puoi evitare di fare magre figure e di perdere i clienti.

Perché parliamoci chiaro, se tu vendi un addolcitore pe depuratore e vieni a smentito, credi davvero che poi quel cliente ti richiami?

Tiriamo le somme del discorso.

Se sei un installatore che crede ancora che l’addolcitore a sale sia un depuratore, che il sale non va nell’acqua ed altre cazzate di questo tipo, mi dispiace ma se non cominci a rivedere queste tue idee sicuramente potresti passare dei brutti quarti d’ora.

Se sei un installatore che ha già cominciato a sensibilizzarsi su questo argomento, ti faccio i miei complimenti… Continua così.

Se tu che mi leggi invece sei arrivato su questo blog perché sei alla ricerca di una soluzione al tuo problema di calcare, adesso apri gli occhi, ma soprattutto stai molto molto attento quando il tuo idraulico ti consiglierà il depuratore.

Se vuoi che ti accompagni per mano nel risolvere per sempre il problema del calcare,
dopo aver scaricato il Report, mi scrivi su WhatsApp cliccando sul pulsantino in basso a destra (tipo quello che vedi qui sotto nell’immagine) e insieme vedremo SE e COME posso aiutarti ad eliminare il calcare, compreso liberare i tuoi tubi dalla vecchia incrostazione.

 

Non ci sono altre vie.

 

 

Scarica gratuitamente…
“Tutta La Verità Sul Calcare”
clicca qui

Tutta_la_verita_parte1

Un saluto…

Save Your Mind, Luigi Colaiacovo

I tuoi clienti hanno deciso di gettare via il depuratore che gli hai montato tu e temi che dismettano anche te come loro idraulico di fiducia?
Tag:                     

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Vuoi Sapere Tutto Sul Calcare?

SCARICA GRATUITAMENTE
TUTTA LA VERITA' SUL CALCARE

Tutto Quello che non Vogliono Farti Conoscere sul Trattamento dell'ACQUA
Powered by Autience